FOOD

” Ma che cavolo ti mangi! “

CONDIVIDI
Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail to someone

 

 

Beh! Sicuramente non avrò fatto la scoperta dell’acqua calda!

Ma ci vorrebbe più tempo!

Più tempo per se stessi, più tempo da dedicare agli amori, più tempo per ritornare a giocare, soffermarsi e vedere che le cose belle non sono quelle che crediamo, ma quelle che ci fanno stare bene, quelle che ci coccolano senza toccarci e ci comunicano molto più di tante parole.

Ci vorrebbe più tempo per rendersi conto che alla fin fine basta così poco per star bene.

Corri, corri…ma poi, alla fine dove vai?

La cucina mi regala questo tempo, l’orologio si ferma e mi riprendo quello che il vivere a volte mi toglie.

Questa la mia ricettina “ COMFORT FOOD in a COMFORT ZONE “.

Ma che cavolo mi mangio!!”

Provate a farla e poi ci racconteremo!

 

 

 

 

 

VELLUTA DI CAVOLO CON SALMONE AFFUMICATO

Adoro queste ricette, per quanto strano possa sembrare; sono velocissime e facili da preparare.

Io, ho sempre una confezione di buon salmone in frigo,serve sempre anche per un aperitivo dell’ultimo minuto e per le cene dell’ ultimo secondo.

INGREDIENTI

  • 1 CAVOLO
  • 2 PATATE MEDIE A PASTA GIALLA
  •  1 PORRO
  • ACQUA, SALE, OLIO evo E PEPE QB
  • 2 CUCCHIAI DI FORMAGGIO CAPRINO
  • 150 G DI SALMONE AFFUMICATO (BUONA QUALITA’)
  • 100 G DI PANE RAFFERMO
  • ERBA CIPOLLINA

PREPARIAMO

  • Iniziate lavando e tagliando a pezzi grossolani cavolo, patate e porro e metteteli a cuocere in una casseruola con dell’acqua che li sfiori.
  •  Aggiustate di olio, sale, pepe e fate cuocere lentamente.
  • Nel frattempo tostate il pane raffermo e riduceteli a tocchetti e metteteli da parte, serviranno da crostini per la vostra vellutata.
  • Con i rebbi di una forchetta pungete cavolo e patate per controllare che siano cotti.
  • Frullate il tutto con un minipimer  aggiustate eventualmente di sale e siete pronti per servire.
  • Versate la vellutata calda nelle terrine, aggiungendo un pò del formaggio caprino, salmone a pezzi, crostini di pane, dell’erba cipollina e un giro di olio evo.

Leave a Response