Ultimi articoli

FOOD

Vitamina C in barattolo, marmellata di arance

  Se potessi conservare l'inverno in un barattolo, ci metterei dentro i momenti delle serate sotto le calde coperte, il cibo caldo e confortevole, le lunghe giornate e un bel cesto di arance. Per quest'ultima il rimedio ce l'ho! Amo le arance in tutte le salse, spremute, concentrati, nelle ciambelle, con gli arrosti, da sole e in marmellata. La colazione è uno dei momenti che più amo del giorno, con i suoi ritmi lenti e rilassanti e anche quando ho la sveglia presto al mattino, anticipo per godermi questo spazio.  Tra le mie preferite, latte, caffè, pane con marmellata di
FOOD

Una Canon al posto del diamante e il “cucina blog award”

  Ancora sorrido, se ripenso alla mia espressione esterefatta, quando mio marito, qualche giorno prima del nostro matrimonio mi donò in regalo  una canon al posto del classico e  intramontabile  diamante. Va bene il piacere per la fotografia e il suo averci visto lungo su una mia passione latente, ma una macchina fotografica ad una sposa? Per lungo tempo l'ho preso in giro, sino a dimenticare giorno per giorno quel desiderio  (forse neanche mai avuto) di ricevere un diamante. Da quel momento ho iniziato  ancor più ad appassionarmi alle storie legate alla cucina, perchè il cibo è fatto di persone,
FOOD

La maglia della salute e una torta al cioccolato

        Arrivava il sabato e il fastidioso momento del bagnetto. Tutti in fila dal più grande al più piccolo seduti su di un divano marrone finto pelle, in attesa di esser chiamati per esser lastricati nemmeno fossimo stati in mezzo al fango. A dire il vero, non era nemmeno il bagno in sè per sé che detestavo, quanto l’umidiccio che mi restava addosso una volta uscita dall’ acqua e quella terribile ' maglietta della salute' che ero costretta ad indossare. Era davvero un incubo, di una lana quasi cotta, pesante, pungente, ma ancora più la odiavo dopo
FOOD

Piccola riflessione sul tempo e la shepherd’s pie

    "Devi saper aspettare!" Me lo diceva sempre la cara nonna Lina che non avevo pazienza  e che il mio strano rapporto con il tempo, non mi avrebbe aiutato nella vita. Fortunatamente, si cresce, e con il tempo ho imparato tante cose.Una tra tutte aver pazienza, tanta pazienza, che nella vita ce ne vuole sempre una dose abbondante. Con il tempo ho imparato che correre o desiderare prima del dovuto porta il più delle volte a profonde frustazioni e  delusioni, ma sopratutto ho imparato che è proprio inutile voler ciò che avere non si può. Bene, detto questo e
LIFESTYLETRAVEL

Evasione in una notte d’Agosto, sognando la Toscana

  Notte d'Agosto, il caos più assoluto, la gente per strada, gli schiamazzi, il caldo che atterrisce dopo una lunga e ancora non terminata giornata di lavoro. Tutti in vacanza in questo periodo, tranne me, che proprio ad Agosto raccolgo il meglio dei frutti. Ma lo stress è all'apice e vorrei solo vedermi spalmata su un prato, lunga lunga ad ammirare il cielo e ascoltare il silenzio. E così nell'attimo di un secondo mi ritrovo a pianificare, prenotare e acquistare la mia vacanza ad Ottobre. Il desiderio di avere in quel frangente ciò che non posso, mi mette di buoni
FOODLIFESTYLE

Carnevale, biscotti integrali e cioccolato

    Siamo in periodo carnevalesco e ve la dico tutta, non è certo una festa che amo. Non chiedetemi il perchè, ma davvero non ricordo l'ultima volta che ho preso parte a qualche festa in maschera.Ciò non toglie che amo vedere gli altri divertirsi e soprattutto mi rallegra l' entusiamo e il fermento dei più piccoli. In queste occasioni, la mia amica Gabriella di cibusalius, pensa bene di coinvolgermi per l'organizzazione. " Cosa ne pensi se prepariamo un party per i bimbi?" Tutto si fa pur di renderli felici.Punto di partenza, il tema della festa.Non c'era alcuna voglia di
FOOD

Il tempo delle mele. Parte II

  Metti un pomeriggio, gli ultimi tiepidi raggi di sole di un inverno mai arrivato. Metti la voglia di dolce che mi accompagna da quando ancora non esistevo. Metti che, in casa come al solito non c'e' nulla, come se avessero buttato una bomba ( è più facile che il supermercato si sposti da me). Metti che tra pochissimi mesi saremo già con le chiappe al sole... Bene!  La decisione da prendere è alquanto ardua. Allora decido! Nessun rimorso, appago subito  il desiderio, non si sa mai cosa potrebbe accadere l'indomani e il rimpianto potrebbe diventare ancora più grande. Quale
TRAVEL

Roma per strada, attraverso i miei occhi

  Non scriverò di come arrivare, cosa visitare una volta a Roma, come fossi una turista, piuttosto vi dirò di come questa città, da sempre appare ai miei occhi, di  cosa mi piace e di come viverla per sentirsi parte integrante di essa. Vi parlerò attraverso le mie immagini di una Roma affascinate, imponente, presuntuosa, illuminata, testarda, coccolona, puzzolente e arrabbiata. Una città abitata da tanti (forse anche troppi ) e allo stesso tempo così solitaria, malinconica e romantica. Una città vissuta per strada, un posto dai mille volti. Nemmeno i nostri 10 anni di convivenza  sono serviti a darmi
FOOD

Le cime di rapa, la burrata e il pane di Matera

    Se dico inverno, subito mi viene in mente camino, fuoco ,casa, copertina,  coccole, pomeriggi in cucina, letture lente e profonde e non ultimo, cibo, vino rosso, carne, salsicce, e cime di rape. Nella mia memoria storica culinaria, le cime di rape vanno a braccetto con il freddo, anche se devo dire dalle mie parti è facile trovarle anche in altre stagioni.Che si sappia in giro, vivo nella culla delle cime di rape! Le mie ricette sono sempre un pò così, nascono da quello che più mi piace, da quel che trovo in frigo e da cio' che ricordo
FOOD

Gli ultimi peccati di gola, tortelloni di burrata.

  In questo periodo i sensi di colpa aumentano a dismisura, ma insalate e consommè dovranno attendere ancora un pò prima di fare il loro ingresso trionfante. Dopo il 24, il 25 e 26 ci aspettano ancora altri due giorni di cibo very yummy, nel frattempo non lasciamoci affossare dalle angosce e andiamoci giù come le feste comandano. Il mio suggerimento per la ricetta della fine d'anno è un super tortello che in parte ho rubato dalle mitiche ricette della mia zia Clara, chef della trattoria di famiglia,  La locandiera. La variante è stata quella di aggiungerci un plus di
1 6 7 8